Il mondo lasciato alla porta. E i corpi, non più maschere…

 Corpi spogliati dai vestiti, e una luce, sempre naturale, a scolpirne gli angoli e le forme dentro le pareti sicure e familiari di una casa. Un percorso lungo, durato un anno, trascorso per metà a scegliere i protagonisti di un viaggio, per l’altra metà a rielaborare, impaginare, editare. Il frutto

[source: http://www.gazzettadelsud.it/news/messina/176722/Il-mondo-lasciato-alla-porta-.html]

I commenti sono chiusi.